Clamoroso ad Appiano: una partita, due risultati

7 febbraio 2008: una data storica per il nostro calcio. Perché il fatto è questo: proprio giovedì di una settimana fa è nata la prima partita di calcio con due risultati finali. Possibile? Provare per credere.
Appiano Gentile, insomma, amichevole infrasettimanale per testare la condizione dei reduci da infortuni vari, l’Inter si schiera in campo contro il Brasov, attualmente nella seconda lega romena, serie B in pratica. Alla fine finisce 0-0, almeno quanto recita il comunicato sul sito nerazzurro con tanto di cronaca e tabellino. E dunque: noi operatori della stampa ci accodiamo volentieri, anche perché chi era presente conferma. Qui però nasce il caso, perché in Romania pare non la pensino allo stesso modo: per loro Inter-Brasov è finita 0-2 e con tanto di tre punti esclamativi. Ed ecco allora l’evento: una partita con due risultati.
L’arcano si spiega con la formula scelta per l’incontro: tre tempi di 30 minuti, anziché i soliti due da 45. E il fatto che nell’ultimo periodo l’Inter abbia schierato un bel numero di ragazzini può raccontare l’altra parte del mistero. Resta il fatto che a Brasov girino con i tre punti esclamativi in tasca e che la cosa sia arrivata anche su internet, provocando sconcerto e, soprattutto, illazioni. Dice la leggenda, infatti, che il risultato della partita, fuori da Bucarest, sia stato mediaticamente limitato al 60’ con tanto di cortese richiesta telefonica. Ma siccome non vogliamo credere a queste malignità, resta il dubbio che Inter e Brasov abbiano organizzato una partita talmente amichevole da ritenere il risultato ininfluente. Un dubbio, però: se la partita fosse finita 0-2, qui in Italia sarebbe davvero cambiato qualcosa?