Clandestini Dodici cinesi stipati in un monolocale

I vigili hanno scoperto ieri mattina in via Fioravanti, nel quartiere Sarpi, un appartamento dormitorio per clandestini. Dodici cinesi, privi di permesso di soggiorno, sono stati trovati a dormire in circa 50 metri quadri. Sono in corso verifiche sul contratto di locazione, che è stato rilasciato da un subaffittuario, anch’egli cinese.
«L’ipotesi di reato è favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: motivazione che farebbe scattare la relativa denuncia e sequestro dell’appartamento». ha commentato il vice sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato quando ha dato notizia dell’accaduto.
L’irruzione nell’appartamento è avvenuta ieri mattina da parte di sette agenti del Nucleo radiomobile, coordinati da un commissario. I clandestini sono stati sorpresi a dormire su letti a castello in cellette tipo alveare con un unico bagno.
Al momento la polizia municipale sta svolgendo gli opportuni accertamenti per verificare la posizione di tutti gli extracomunitari e se qualcuno di loro sia destinatario di provvedimenti di espulsione. Condizione che determinerebbe l’arresto.
«Solo una decina di giorni fa - sottolinea De Corato - proprio in via Fioravanti i vigili hanno scoperto un Internet Point utilizzato come rifugio e dormitorio per clandestini. Ora è la volta di un appartamento».
«Si tratta del ventottesimo blitz compiuto nel quartiere Sarpi da inizio anno - ha concluso il vicesindaco -. Segno che la presenza degli agenti non è mai mancata e che l’avvio della zona a traffico limitato ha comportato ancora maggiori controlli per la sicurezza».