Clarke (XX): «I “nasoni” sprecano» L’Acea: «No, sono utili e igienici»

«Verificare la possibilità di applicare dispositivi di apertura-chiusura del flusso idrico alle fontanelle pubbliche, in particolare a quelle scarsamente utilizzate». Alla proposta dell’assessore ai lavori pubblici e manutenzione urbana del XX municipio Marco Daniele Clarke, risponde l’Acea, che fa notare l’utilità dei cosiddetti «nasoni», che a Roma sono circa 2500. Il loro compito, spiega l’azienda, oltre che di dare da bere anche a coloro come bambini, disabili o animali che non potrebbero manovrare un dispositivo, anche di evitare la stagnazione dell’acqua nelle condotte durante la notte.