La classe di ferro del letto di una volta

Veronica Forti

Un mobile classico che non ha mai abbandonato i gusti degli italiani è il letto in ferro. Robusto, con quel sapore di classico che comunque piace sempre e che ci riporta alle case di una volta, quelle dei nostri nonni, in cui sontuosi ed enormi talami in ferro battuto campeggiavano protagonisti quasi esclusivi delle alcove domestiche. Anche oggi, alcune aziende fanno tesoro di questo genere d'arredo per riproporlo in vesti attualizzate. Come ad esempio la Barel, che usa il ferro forgiato artigianalmente, per creare arredi dalle linee pulite ed essenziali, con dettagli e rivestimenti di qualità. Queste solo alcune delle caratteristiche che distinguono la nuova collezione dell'azienda piemontese. Ogni pezzo, letti, comodini, tavoli, e complementi sono unici perché realizzati a mano e ciò rende queste proposte perfette per chi vuole in casa propria qualcosa di eccellente e personale. Ad esempio il letto matrimoniale «Mozart», disegnato da Lorenzo Stano, è perfetto sia per una casa classica sia per un'ambientazione moderna e dove vive il design. Qui il ferro pieno, che costituisce i quattro appoggi a terra e il traverso superiore è addirittura arricchito dalla preziosa finitura in «foglia d'argento». È disponibile semplice oppure con la testiera imbottita, per proporsi più morbida e confortevole, come vuole la tendenza del momento, disponibile in quattro colorazioni molto glamour: marrone, bianco, blu elettrico e bordeaux. Per vestirlo Barel ha pensato anche alla biancheria coordinata in puro cotone. «Mozart» è disponibile nella misura da cm 184x211xh141. Per completarlo c'è anche il comodino «Prince» in ferro forgiato con il piano in lamiera di ferro e piano inferiore in legno, con la stessa finitura in «foglia argento» (cm 40x40xh56).
Per ogni ulteriore informazione, tel. 0174-43001 e www.barel.it.