La Clerici espropriata dei fornelli surclassa tutte con i baby cantanti

È proprio così: la rivincita della Clerici. Lei, Antonella, è ancora un po’ arrabbiata perché non le hanno restituito la conduzione della «Prova del cuoco» dopo essere rientrata dalla maternità. E, quando era in gravidanza, un po’ friggeva vedendo queste giovani conduttrici (le ormai famosissime Del Noce’s girls) prendere il suo posto. Però, poche settimane dopo il ritorno in video, già le ha rimesse tutte a posto. Complici circostanze favorevoli per lei e sfortune altrui. Certo, non si può innalzare la Clerici a martire delle mamme licenziate e definire le altre (che semplicemente tentano al meglio di giocare le proprie carte) usurpatrici, vero è che il pubblico la ama come e più di prima. Basta mettere insieme quattro dati. Il primo: la seconda edizione di Ti lascio una canzone, lo show con i bambini dalle ugole d’oro, va bene, anzi procede a gonfie vele (30 per cento di share nei primi tre sabati), tanto da essere una delle cause della chiusura del Bagaglino, in onda sulle rete avversaria Canale 5. Il programma è carino, pulito, realizzato con cura e lei ci aggiunge quel qualcosa in più. Tanto che pure il vice presidente di Mediaset Pier Silvio Berlusconi in una recente intervista a La Stampa ha dichiarato che un programma che invidia alla Rai è proprio Ti lascio una canzone, aggiungendo che «ha contenuti e toni giusti, è forte, pulito».
Al contrario, per sfortuna del primo canale, lo show erede del Treno dei desideri guidato fino alla scorsa edizione dalla Clerici e rinominato (ma praticamente è uguale) I sogni son desideri in onda al martedì sta faticando molto: la seconda puntata è scesa in picchiata al 16 per cento, soglia a rischio chiusura. Quand’era nelle mani di Antonella, invece, i risultati erano altri, anche se fare i confronti tra una stagione e l’altra è sempre difficile. A condurlo, quest’anno, c’è Caterina Balivo, una delle pupille del direttore Fabrizio Del Noce, premiata pure con l’Oscar Tv come rivelazione dell’anno. Una delle giovani presentatrici (insieme a Elisa Isoardi, Veronica Maya ed Eleonora Daniele) che, lo mostrano i dati, funzionano bene nel day time ma non altrettanto nelle prime serate. Certo - dicono gli esperti - va bene sperimentare volti nuovi, ma forse è prematuro affidare loro trasmissioni in prime time, anche se in alcuni casi (come per Incredibile!) lo show è talmente loffio che nessuno riuscirebbe a rivitalizzarlo. Antonella avrebbe voluto tenersi anche la conduzione del Treno, ma - nel caso - lo show che realizza i sogni avrebbe dovuto essere programmato in un altro momento, non nello stesso periodo di Ti lascio una canzone.
Aggiungiamo un altro tassello: in un sondaggio lanciato da Sorrisi e Canzoni su chi i lettori del settimanale preferiscano alla conduzione della Prova del cuoco tra la Clerici ed Elisa Isoardi, la prima ha svettato con il 57,7 per cento di preferenze. La Clerici è stata premiata per professionalità, preparazione ed esperienza, mentre la Isoardi per novità, gioventù e freschezza.
Dunque Antonella se la gode a Sanremo (da dove va in onda Ti lascio una canzone) con la sua piccola Maëlle e il compagno Eddy. Nonostante tutti i pronostici avversi, è riuscita a diventare mamma, a mantenere in piedi la relazione con un uomo più giovane e di cultura diversa come Eddy Martens e a riprendersi anche il suo posto in televisione. Anche se le rimarrà il cruccio di non tornare dietro i fornelli. Difficile infatti che la facciano tornare in cucina, qualsiasi sia il nuovo corso di Raiuno dopo il cambiamento della direzione. Il fatto è che, anche se meno amata, la Isoardi costa per il momento molto meno della Clerici. E, in un momento di grave crisi economica, in Rai non stanno lì troppo a dar retta ai desiderata del pubblico. Anche Antonella, in fase di ridiscussione del contratto, per mettere le cose a posto dovrà forse essere meno esigente. Sempre che, come ha lasciato intendere, non guardi altrove.