«Click» in cabina espulso a Gallipoli

Un elettore di Gallipoli, dove si rinnova il consiglio comunale, è stato fermato e accompagnato negli uffici del commissariato di polizia perché sospettato di aver fotografato la scheda elettorale. A chiedere l’intervento dei poliziotti è stato il presidente di seggio dopo aver udito un rumore che sembrava lo scatto fotografico fatto da un cellulare. Il telefonino è stato sequestrato per essere sottoposto a perizia. Del fatto è stato informata la procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce. L’uomo è stato affidato agli agenti, la sua scheda elettorale dovrebbe essere invalidata.