Al cliente solo l’imbarazzo della scelta

Berlina, station wagon o 5 porte Da 21.450 euro

Fin dal lancio, a metà giugno, la Mondeo sarà disponibile in tutti e tre gli stili di carrozzeria (berlina a 4 porte, hatchback a 5 porte e station wagon). Ben sette i motori (quattro a benzina e tre turbodiesel) con potenze comprese tra 123 e 220 cavalli. Il propulsore «entry level», adottato per la prima volta su Mondeo, è il quattro cilindri 1.6 16V Duratec con cambio manuale a 5 marce. Al centro dell’offerta a benzina c’è il 2 litri 16V da 145 cavalli, anch’esso con cambio manuale a 5 marce, a cui si aggiungerà fra qualche mese il nuovo 2.3 da 161 cavalli abbinato a una trasmissione automatica a 6 rapporti. Al top di gamma il 3 litri V6 della vecchia Mondeo viene sostituito con la variante da 220 cv e 320 Nm di coppia massima (come sulla S-Max) del 5 cilindri 2.5 di origine Volvo. Il più potente dei motori a benzina è equipaggiato con un cambio manuale a 6 marce, così come i turbodiesel a iniezione diretta common rail 1.8 TDCi da 125 cv e 2.0 TDCi da 143 cv che sono destinati a fare la parte del leone nelle vendite della nuova Mondeo.
Il 2.0 dispone di 320 Nm di coppia massima già a 1750 giri, è equipaggiato con il filtro antiparticolato e viene offerto anche nella variante da 130 cavalli abbinata a un cambio automatico a sei rapporti. Con tutti i tipi di carrozzeria, la vettura viene proposta in tre livelli di allestimento: Mondeo+, con un equipaggiamento di serie già molto ricco; Titanium, in cui stile e tecnologia accontentano il gusto più moderno, e Ghia, con elementi di lusso e classicità. Su tutte le nuove Mondeo la dotazione comprende il sistema di protezione intelligente Ips che integra sette Airbag (c’è anche quello per le ginocchia), l’Abs, il ripartitore di frenata Ebd e i controlli di trazione Tcs e di stabilità Esp. A ciò si aggiungono il climatizzatore automatico bi-zona, il volante in pelle con i comandi del sistema multimediale Hmi, la regolazione elettrica del sedile del guidatore, gli alzacristalli elettrici anteriori e posteriori, i fari fendinebbia e gli specchietti riscaldabili e a regolazione elettrica con guscio nella tinta della carrozzeria. Nell’allestimento Titanium la dotazione di base viene integrata, tra l’altro, dai vetri azzurrati, i cerchi in lega da 16” con disegno specifico, i sedili sportivi e le finiture «alluminium look». Nell’allestimento Ghia, invece, è affiancata da finiture e inserti cromati, attivazione automatica di tergicristalli e fari, retrovisore interno fotocromatico e cruise control adattativo.
Sia la personalizzazione Titanium sia la Ghia sono offerte a 1.000 euro. Lo stesso prezzo (1.500 euro) viene richiesto per i rispettivi Pack che comprendono cerchi in lega da 17”, pulsante di avviamento automatico, sedili anteriori riscaldati e interni in Alcantara (sulla Titanium) o in pelle (sulla Ghia). I prezzi della Mondeo berlina a 4 porte partono dai 21.450 euro richiesti per la 1.6 a benzina, a cui bisogna aggiungere altri 1500 euro per passare al motore 2.0. Il listino delle versioni turbodiesel parte invece dai 24.450 euro della Mondeo 1.8 TDCi, sale a 25.700 euro per la 2.0 e arriva ai 26.450 della variante con cambio automatico. Quelli delle versioni a 5 porte non cambiano, mentre per avere la wagon bisogna contemplare un maggiore esborso di 750 euro.