Clinica Santa Rita: tre nuove ordinanze di custodia in carcere

Le misure, firmate dal gip Micaela Curami, riguardano l'ex primario del
reparto di chirurgia toracica Pier Paolo Brega Massone, il suo ex
aiuto Fabio Presicci, entrambi già in carcere e sotto processo, e Marco Pansera

are nuove ordinanze di custodia cautelare in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà sono state emesse nell'ambito dell'inchiesta milanese sulla clinica Santa Rita di Milano. Le misure, firmate dal gip Micaela Curami, riguardano l'ex primario del reparto di chirurgia toracica Pier Paolo Brega Massone e il suo ex aiuto Fabio Presicci, entrambi già in carcere e sotto processo davanti alla quarta sezione penale del Tribunale di Milano. I provvedimenti sono stati notificati in carcere ai due medici, detenuti dal giugno scorso, con l'accusa di truffa ai danni del sistema sanitario nazionale e lesioni, nell'ambito dell'inchiesta sui presunti interventi inutili e dannosi effettuati al solo fine di gonfiare i rimborsi. Il terzo destinatario dell'ordinanza è l'altro ex membro dell'equipe di chirurgia toracica Marco Pansera. Il gip ha rigettato invece altre richieste di custodia in carcere per omicidio destinate a alcuni medici anestesisti. Il giudice infatti ha deciso che si tratta di concorso colposo in fatti dolosi.