«Clonano» imprenditore per rubargli case, auto e soldi

Un uomo e una donna hanno «clonato» l’identità di un imprenditore genovese, titolare di una ditta di impianti industriali, e a sua insaputa hanno acquistato attraverso i suoi conti tre auto e un appartamento, che hanno poi rivenduto. La truffa, che ammonterebbe a 300mila euro, è stata scoperta dalla polizia di Genova che ha denunciato un uomo di 57 anni ed una donna di 45, tra loro cognati, con l’accusa truffa, sostituzione di persona e falsità materiale commessa da privati. I due sono riusciti a clonare tutti i dati personali dell’uomo, dalla carta d’identità alla visura camerale della sua attività, con lo scopo di accedere a finanziamenti da parte di apposite società. Grazie a questi finanziamenti, i due hanno acquistato alcune auto, poi regolarmente vendute per incassare il contante e addirittura un appartamento nella zona di Oregina, acquistato grazie ad un mutuo e immediatamente rivenduto a una cifra di 150 mila euro. La truffa è stata scoperta dagli agenti del commissariato di polizia di Cornigliano.