Club deferito per Zoro Solo ammenda a Figo

Un po’ in ritardo, ma il deferimento è arrivato. L’Inter infatti dovrà presentarsi davanti alla Commissione Disciplinare per il caso Zoro. Il Procuratore federale ha infatti deferito il club di via Durini «in relazione ai cori e ai versi posti in essere da alcuni dei suoi sostenitori nel corso della partita Messina-Inter del 27 novembre 2005 nei confronti del messinese Marc Zoro». Allora l’ivoriano aveva manifestato all’arbitro l’intenzione di abbandonare il campo a causa di ripetuti cori e insulti di contenuto razzista subiti da parte dei tifosi dell’Inter. Zoro aveva cambiato idea dopo essere stato convinto da compagni di squadra e giocatori di colore dell’Inter.
Ammenda di 5.000 euro per Figo e Inter invece per le dichiarazioni del portoghese su un presunto incontro tra Luciano Moggi e l’arbitro Paparesta prima della partita Inter-Juventus dello scorso 12 febbraio. Deferito dal Procuratore federale, Figo ha presentato alla Disciplinare una memoria difensiva nella quale nega di aver parlato dell’incontro tra Moggi e Paparesta in una conferenza stampa tenuta a Berlino. La Disciplinare ha invece ritenuto censurabili e punibili con un’ammenda le dichiarazioni di Figo.