Il club degli ex del Viminale

Non prenderanno il tè, non giocheranno a bridge o a calcetto. Si vedranno però, questo sì, periodicamente, per discutere insieme, tra persone che hanno maturano la stessa esperienza, i problemi e le possibili soluzioni.
Rimarrà vivo anche durante il quarto governo Berlusconi il club degli ex ministri dell’Interno. L’annuncio è arrivato dal nuovo titolare del dicastero, Roberto Maroni: «Il club degli ex ministri dell’Interno non si scioglie. Credo – ha aggiunto – che lo abbia ideato il ministro Bianco». Maroni ha poi ricordato che Giuliano Amato ha invitato i suoi predecessori a seguire con lui lo spoglio delle schede elettorali: «Continueremo con questo club – ha concluso – per discutere assieme i problemi».