Il cobra a Santa Brigida sparge sangue in una città discreta

Il giorno del cobra - (Italia, Usa 1980) di Enzo G. Castellani con Franco Nero, Sybil Danning, Licinia Lentini, 95’.

Vedute dall’alto di quello che oggi è il Porto Antico (utili per gli smemorati) e della Sopraelevata... i titoli che arrivano dopo un inseguimento (con morto) iniziato in un appartamento a Di Negro e... ci si ritrova in America! Francesco Sparanero, in arte Franco Nero è il solito ex sbirro in disarmo dal nome filo yankee: Larry Stanziani. Lo spot recitava: «Lo chiamavano il Cobra, da San Francisco al porto di Genova, la sua missione era di scovare un assassino impossibile». Questa l’aria che tirava nel 1980... Un traffico di droga porta il Cobra sulle nostre contrade, già frequentate in passato (ritrova il figlio). Gliene capiteranno di tutti i colori, lo tradiranno quasi tutti. All’Hotel Columbia a Principe tentano di ucciderlo sparandogli con un fucile di precisione... dal palazzo di fronte! Al Mercato lo pestano a sangue ricoprendolo di pesce ed in un tentato rapimento gli muore l’adorato frugoletto. Si vendicherà.
Enzo G. Castellari («Il cittadino si ribella», «Fuga dal Bronx»), alias Enzo Girolami, artigiano del cinema di «rapina», imita come sempre senza pietà i film del momento ed in questo caso si ricorda anche di «Kramer contro Kramer»: infarcisce il film di scene patetiche con abbracci al rallentatore tra padre e figlio, dialoghi mielosi, lezioni di baseball con esortazioni morali.
Non contento dispensa qua e là gemme ironiche (il protagonista dice al telefono ad una cliente «Ho un altro affare per le mani» mentre... piscia). Genova si lascia vedere con discrezione: piazza S. Giorgio, l’allora palazzo Sip, le molte riprese al night club Astoria sono interessanti. Il meglio assoluto è però la scena ambientata nei Truogoli di S. Brigida: visti per pochi istanti in altri film, in questo si vedono bene come mai. Il film, con i suoi modesti incassi chiarì che il genere «poliziottesco» era alla frutta. Doveva essere girato a Venezia ma le cose non funzionarono. Fu Franco Nero, pare innamorato della nostra città, a suggerire Genova. Girarono tutto in cinque giorni. Si vede.

Non disponibile attualmente - Vhs ev. noleggiabie in videoteche specializzate o reperibile nei banchi dell’usato.