Cocaina, chiuso il «Vicolo 49» Nel locale della movida uno spacciatore per cameriere

Spaccio di coca nei locali della movida notturna. Gli uomini del commissariato Trevi hanno chiuso l’ennesimo night nel cuore del centro storico. Motivo? Fiumi di «neve» pronti all’uso per i clienti e a ogni ora. Dopo il “Vecchio White”, gli agenti del I distretto hanno messo sotto sequestro il «Vicolo 49» di vicolo dei Soldati, a due passi da piazza Navona. Una persona, un cameriere, è stata arrestata, altre quattro denunciate a piede libero, tredici avventori identificati e alcuni segnalati come consumatori abituali di stupefacenti. Il blitz è avvenuto alcuni giorni fa. Dapprima i poliziotti sono entrati nel locale per controlli amministrativi. Il circolo, sulla carta, non risulta altro che essere un’associazione culturale, una delle tante che, poi, aggirando la normativa in materia, nei fatti finiscono per costituire dei veri e propri locali pubblici. Un escamotage grazie al quale nel tempo sono sorte decine di attività anche in quartieri come Trastevere e San Lorenzo, dove è stato così possibile dribblare le regole comunali su orari di apertura e chiusura. In realtà, ai poliziotti è bastato poco per rendersi conto che all’interno del Vicolo 49 era davvero facile rifornirsi di coca, anche fino all’alba. Cento i grammi di droga sequestrati. Tra i fermati vari avevano precedenti specifici.
alemarani@tiscali.it