Da Cochi e Renato a Glauco Mauri a teatro un anno di risate e classici

Sui palcoscenici milanesi, oltre alla coppia di comici e al celebre attore, vedremo anche Piera degli Esposti, Pupo, Gianfranco Jannuzzo e Paola Cortellesi

Viviana Persiani

Anno nuovo, vita nuova; ma la programmazione teatrale meneghina non manca, come al solito, di soddisfare le numerose esigenze e i gusti più disparati della platea milanese. Uno sguardo generale sul panorama dei cartelloni delle sale, infatti, offre l'occasione di gustare un belvedere dove spiccano nomi di attori, registi e titoli di rappresentazioni che garantiscono una certa classe e professionalità.
Ne è prova, ad esempio, il prossimo debutto al Teatro Studio previsto per l'11 gennaio; Toni Servillo, regista di grandi emozioni, torna sulla scena del Piccolo, nei panni del direttore, dell'interprete e dello scenografo de Le false confidenze di Pierre Marivaux, offrendo una commedia di parole sostenuta da una ambiguo e divertente gioco teatrale di comportamenti, reazioni, volti e sguardi. Al Teatro Grassi Paolo Borsellino Essendo Stato scritto e diretto da Ruggero Cappuccio, in scena a febbraio, racconta di una Sicilia solare alla quale fanno da contrappunto tragici avvenimenti come al morte del magistrato e dei suoi cinque agenti.
Martedì 17 gennaio, appuntamento al Teatro Filodrammatici con uno spettacolo teatrale e musicale diretto e ideato dal direttore della Scuola d'Arte Drammatica Paolo Grassi Massimo Navone in collaborazione con Francesca Angeli; sulla scena, nei panni del protagonista, Enzo Ghinazzi, in arte Pupo. La trasposizione teatrale diretta da Federica Tatulli sarà di scena al Teatro Carcano dal 7 febbraio, in attesa, sempre sul medesimo palcoscenico della coppia collaudata Glauco Mauri e Roberto Sturno con Delitto e castigo, spettacolo tratto dall'opera omonima di Fedor Dostoevskij. Gianfranco Iannuzzo scommette sulla bravura e sull'indiscutibile bellezza di Manuela Arcuri a febbraio al Teatro Manzoni con il pirandelliano Liolà, seguito da Margarita e il gallo di Edoardo Erba, una favola divertente scritta appositamente per l'esplosiva moglie Maria Amelia Monti.
Un'indimenticabile serata da Achille Campanile è lo spettacolo previsto a febbraio al Teatro Franco Parenti; sarà Piera Degli Esposti, diretta da Antonio Calende, che darà voce all'io narrante dell'autore interpretando un collage dei più celebri testi dello scrittore romano. Quelli di Grock daranno vita a febbraio sulla scena della Sala Leonardo a Quasi perfetta, una pièce sull'anoressia scritta da Valeria Cavalli e firmata da Claudio Intrepido; dalla messinscena emerge che l'anoressia non è un disturbo dell'appetito, bensì una malattia che nasce da una sofferenza interiore, da un dolore soffocato, dal desiderio di scomparire per sempre. In prima nazionale al Teatro dell'Elfo, ad aprile Riva abbandonata Materiale per Medea Passaggio con Argonauti di Heiner Muller verrà presentato da Elio De Capitani che darà vita ad una pièce frutto dell’assemblaggio di materiali composti in momenti lontani tra loro.
Al Teatro Olmetto, una serie di prime nazionali incuriosiranno la platea meneghina; se a marzo L'uomo dei miei sogni di Francesca Angeli è diretta da Massimo Navone, Pazzo d'amore di San Shepard, previsto ad aprile racconta di un uomo e una donna che non riescono a chiudere i conti con il loro passato. Per gli amanti di Woody Allen, a marzo al Teatro San Babila verrà presentato Sesso e bugie con Attilio Corsini, mentre il divertimento continua a maggio con il milanesissimo, con Piero Mazzarella e Rino Silveri. La commedia musicale tratta dall'omonimo film Vacanze Romane darà vita a marzo al Teatro Nuovo ad un viaggio negli splendori, nella magia e nella favola degli anni Cinquanta. Sarà Pietro Garinei a condurre la platea ambrosiana nelle atmosfere del celebre film di William Wyler La finestra sul cortile di e con Spiro Sciamone, in scena a marzo al Teatro Litta per la regia di Valerio Binasco, racconta, attraverso una comicità originale, della vita in un cortile, luogo dove tutto è concesso e dove tutto sembra possibile. Antonio Albanese sarà il protagonista a febbraio al Teatro Smeraldo, dove con Basta avere l'umbrela Cochi e Renato tornano a fare divertire il pubblico di Milano. Paola Cortellesi calcherà dal 17 gennaio la scena del Teatro Ciak per lasciare poi posto a Claudio Batta, a Beppe Braida a Flavio Oreglio e ad altri esilaranti comici.