Code ai caselli, caos negli scali e in Centrale

Lunghe attese ai caselli autostradali, stazioni e aeroporti presi d’assalto. Il primo fine settimana di controesodo si è concluso, ieri, all’insegna delle code. Fin dalle prime ore della mattina, e poi per tutta la giornata, il traffico è stato intenso lungo le maggiori arterie che collegano le località di villeggiatura, in particolare la Riviera romagnola e il litorale ligure, con Milano.
Circolazione congestionata, dunque, sulla A1 Milano-Napoli e la A7 Genova-Milano. Ma anche sulla A4 Milano-Brescia. I maggiori disagi sono stati avvertiti ai caselli autostradali, primo fra tutti la barriera di Melegnano, dove a partire dal primo pomeriggio si sono registrate lunghe code in entrata verso il capoluogo.
Il caos ha, però, riguardato anche gli scali di Linate e Malpensa e la stazione Centrale, dove sono transitati migliaia di viaggiatori.
Secondo i dati diffusi dall’Osservatorio di Milano, sono rientrati a casa circa sei milioni di italiani. A partire da oggi, molte città si presenteranno dunque popolate.
«Dovrebbe quindi cessare l’emergenza dei negozi chiusi - spiega il direttore Massimo Todisco -. Le attività aperte saranno più del 35 per cento. Qualche problema si registrerà ancora nelle estreme periferie. Fino al prossimo fine settimana, quando tutto tornerà alla normalità».