Code al botteghino, ma solo per le star

Un grande successo di vendite di biglietti per la Festa. Un successo che comunque deve fare i conti con lunghe file per aggiudicarsi un ingresso, e un po’ di confusione tra orari dei botteghini e quelli delle proiezione. «Va bene così, in fondo è il primo anno» dicono gli spettatori (o aspiranti spettatori) più clementi, sperando che da un punto di vista organizzativo il prossimo anno, o persino nei prossimi giorni, la Festa possa correggere il tiro. Intanto continuano ad affluire centinaia di curiosi, intere scolaresche, appassionati di cinema, e chi sogna di vedere sfilare le star a una distanza di pochi metri su questo red carpet all’entrata dell’Auditorium. I biglietti sono ancora disponibili, anche se quelli per gli eventi più attesi che prevedono la presenza delle star internazionali, sono quasi tutti esauriti. E mentre qualcuno sogna sbarchi «last minute» nella Capitale di star internazionali per la Festa, l’aspirante pubblico è ancora alla ricerca di biglietti per varcare la soglia della sala Santa Cecilia dell’Auditorium. In questo senso c’è una bella novità, perché è stata aperta proprio ieri una «linea dell’ultimo minuto». Il pubblico potrà acquistare i biglietti, non più fino alle 12 del giorno della proiezione del film, ma fino alle 16. Gli eventi e le proiezioni che hanno ancora qualche poltrona vuota non sono certo cosa da poco: per la sezione più illustre, «Première» sono ancora disponibili i biglietti per oggi di Uno su due di Eugenio Cappuccio con Fabio Volo. Poi The Hoax di Lasse Hallstrom con Richard Gere che sarà presentato domani, sempre domani Alatrista con Viggo Mortensen. Martedì biglietti ancora disponibili per The Namesake, ultima opera della regista indiana Mira Nair.
Per mercoledì 18, chi non è riuscito a vedere Monica Bellucci ieri sera alla prima di N- io e Napoleone di Virzì, può ripiegare mercoledì con The Stone Council in cui recita la bella attrice. C’è ancora la possibilità di andare a vedere qualche film in concorso per Cinema 2006: Oggi Jardins an automne del georgiano Otar Iosseliani, domani Fu Zi- After This Our Exile di Patrick Tam. Mercoledì L’aria salata di Alessandro Angelini con Giorgio Pasotti. E venerdì La strada di Levi di Davide Ferrario.
Qualche speranza in più di assicurarsi ambiti biglietti anche per i ragazzi. Per la sezione «Alice nelle città» qualche poltrona vuota ancora per la proiezione di domani dell’atteso film di animazione Open Season, e venerdì Over the hedge. La sezione meno inflazionata è sicuramente Extra. È anche la più curiosa perché punta soprattutto sull’originalità: posti liberi ancora per decine di eventi, tra cui Kurt Cobain. About a son, il documentario sul leader dei Nirvana che sarà proiettato mercoledì. Per gli Eventi Speciali la situazione è un po’ complicata, i biglietti sono andati a ruba, ma in questi casi la speranza è l’ultima a morire. Due suggerimenti: non mollate, e soprattutto, non prendetevela comoda.