Codice etico, traballa la giunta Marrazzo

La proposta di istituire un codice etico per regolamentare gli accordi commerciali con i Paesi che violino i diritti umani ha spaccato il centrosinistra. A favore i Verdi (l’iniziativa è dell’assessore Angelo Bonelli) e i Comunisti italiani. Scettici l’assessore al Commercio Francesco De Angelis e quello allo Sviluppo economico Raffaele Ranucci: «È un processo che non può essere affrontato solo con le leggi e le delibere di giunta». Critico anche il centrodestra. Per il capogruppo di Alleanza nazionale alla Pisana Fabio Rampelli, «si tratta di una iniziativa velleitaria e inefficace».