Cogoleto si offre alla Samp: «Stadio a Pratozanino»

Lo stadio della Sampdoria alla Stoppani di Cogoleto? No, un po’ più in là nell’area di Pratozanina che ospitava l’ex ospedale psichiatrico e che già nel 2006 fu al centro di un possibile tentativo di conversione in area sportiva quando la città del ponente si candidò ad ospitare le olimpiadi under 18 del 2011. «Al presidente della Sampdoria Riccardo Garrone abbiamo presentato questa opportunità - racconta il sindaco Attilio Zanetti -. Nell’area della Stoppani tra il rischio idrogeologico e le difficoltà a completare la bonifica per la quale occorrerà ancora tempo non credo sia praticabile».
Ci sono però problemi legati alla viabilità per raggiungere un posto in collina attraverso un’unica strada. Così come ci si interroga sulla capacità dello snodo autostradale visto che l’unico casello che dovrebbe assorbire l’utenza è quello di Arenzano: «Siamo consci di questi problemi e in un paio di settimane offriremo delle soluzioni per quanto ci sarà possibile fare. Si tratta di una opportunità unica che creerebbe un grande indotto e posti di lavoro e che, se possiamo, non ci lasceremo scappare». Ma, a Cogoleto, c’era chi si era già mosso perché Garrone si spingesse più a ponente di Sestri. Sono i dipendenti della ex Stoppani che un anno e mezzo fa proposero la soluzione al presidente della Regione Claudio Burlando: «Si tratterebbe di una straordinaria opportunità per creare benessere ed occupazione. Anche a favore di quel gruppetto di ex dipendenti Stoppani tuttora precari ed impiegati nei lavori di messa in sicurezza del sito».
Ma, intanto, sullo stesso progetto Garrone prende tempo: «Il mio intendimento è sempre quello di puntare sulla zona dell’Aeroporto, la soluzione di Cogoleto presenta delle criticità legate alla tempistica e alla viabilità che mi convincono poco».