Col test dell’impatto sonoro difficile ottenere la licenza

Parigi è una città molto controllata per quanto riguarda i rumori generati dai locali pubblici. Le regole sono le stesse presenti nell'insieme della Francia, ma nella capitale vengono fatte rispettare in modo particolarmente severo. I locali pubblici possono essere aperti fino alle due di notte, che è anche l'ora limite per la vendita di bevande alcoliche in Francia. Le licenze vengono concesse dalle prefetture di polizia. All’ombra della Tour Eiffel c'è una licenza cosiddetta «normale», che è valida appunto soltanto fino alle due di notte, e anche una seconda licenza considerata «speciale», per quei locali che vogliono rimanere aperti tutta la notte. La concessione di qualsiasi licenza però implica l'esame di un severo «studio di impatto sonoro», che deve essere compiuto da esperti e verificato dai servizi della prefettura. La concessione delle licenze notturne nella capitale francese dipende molto dalla collocazione di una discoteca e dall'efficacia delle misure contro il rumore che il locale può garantire. Anche perchè va detto che i parigini - in misura decisamente maggiore rispetto ai milanesi - hanno l'abitudine di chiamare immediatamente la polizia tutte le volte in cui vengono disturbati dal rumore di un locale notturno.