Colaninno è ottimista sul trimestre Piaggio

«Rodriquez in Borsa? Presto per parlarne». Due scooter ibridi per il Comune di Milano

da Milano

«Sui risultati del primo trimestre vi diremo qualcosa quando approveremo la trimestrale, il 3 maggio. Ma mi vedete sorridente, quindi...». Così ieri a Milano il presidente della Piaggio, Roberto Colaninno, subito dopo la firma del protocollo d’intesa tra il Comune e la casa di Pontedera per la sperimentazione di due scooter ibridi. Sulla salita anticipata della holding Immsi in Piaggio, Colaninno ha precisato che «è stato fatto quanto previsto dal contratto “call” con il fondo Morgan Grenfell». Colaninno, il quale ha consegnato i due scooter al sindaco di Milano, Gabriele Albertini e all’assessore alla Mobilità, Giorgio Goggi, ha lasciato all’amministratore delegato Rocco Sabelli il compito di rispondere alle domande sulla prossima quotazione di Piaggio. «Tutto è pronto - ha detto l’ad - la Consob ha le carte e il 3 maggio avremo i dati trimestrali con i quali integreremo la richiesta per la quotazione».
Sull’ipotesi di uno sbarco in Borsa dei cantieri navali Rodriquez, Colaninno ha invece dichiarato che «è presto per parlarne: il turnaround è appena cominciato». La sperimentazione milanese dei due scooter Piaggio ibridi (motore elettrico e a scoppio) durerà 12 mesi. I due veicoli hanno un’autonomia di percorrenza di 20-25 chilometri e per la ricarica delle batterie servono 3/3,5 ore. «Un progetto - ha puntualizzato Colaninno - finanziato dalla cassa del gruppo Piaggio».