Colazione fuorisalone Il paradiso del caffè è in una ex carrozzeria

Un caffè in Paradiso nella Milano Design Week, all’Ex Carrozzeria di via Tortona 32. Il progetto, dal critico del design Virginio Briatore, che ha inoltre realizzato il libro, ha chiamato in causa 10 designer, che hanno progettato oggetti riconducibili al Paradiso Lavazza, forme sorprendenti che «giocano» con il Paradiso come viene visto nell’immaginario comune più infantile. Altromodo, Enrico Azzimonti, Francesco Castiglione Morelli, Sara Dal Gallo, Laura Fiaschi, Ilaria Gibertini, Giulio Iacchetti, Shinobu Ito, Raffaella Mangiarotti, Matteo Ragni, hanno dato vita a 70 progetti, 10 dei quali sono stati selezionati per diventare icone della marca. Il tema che appassiona da sempre e che «ispira storie che si raccontano attorno ad un caffè», il più favoloso dei luoghi, ha spinto Lavazza a interpretarlo e renderlo tangibile grazie a questi 10 designer, che hanno creato forme sorprendenti, come la poltrona Santapace per sorseggiare comodamente un caffè, la caffettiera alata Santina, la tazzina Angiolina con l’aureola che diventa cucchiaino, un pouff Nuvolona per sentirsi fra le nuvole e persino le chiavi Cherubini per aprire le porte del Paradiso, solo per citarne alcuni. Dichiara Francesca Lavazza, Direttore Corporate Image del Gruppo: «Il paradiso Lavazza è di ognuno, ma di tutti in modo diverso. Per me è un’idea talmente verosimile da sembrare reale. Grazie ai dieci designer che hanno interpretato il nostro Paradiso sono nate linee, forme e oggetti unici e originali». Il pubblico sarà parte attiva del progetto ogni giorno, facendo colazione con il curatore della mostra e con due dei designer che hanno partecipato al progetto.