La Coldiretti porta in piazza asinelli e trattori

Buoi, asinelli e trattori nelle strade dello shopping prenatalizio. Con loro migliaia di imprenditori agricoli in uno sfarfallio di bandiere gialle e scritte verdi, scesi in piazza per difendere la campagna ligure che rappresenta nel mondo il «giardino d’Italia». L’iniziativa della Coldiretti a pochi giorni dal Natale ha chiamato in causa direttamente la Regione Liguria alla quale si chiede una politica agricola regionale adeguata a difendere e valorizzare le eccellenze presenti: dall’olio ai fiori, dagli allevamenti alle bellezze del territorio. I disagi alla circolazione nel centro della città sono stati ampiamente compensati dalla distribuzione gratuita di prodotti tipici come olio, basilico e latte ai cittadini che hanno dimostrato apprezzamento e sostegno all’iniziativa della Coldiretti. In pericolo c’è un patrimonio imprenditoriale, gastronomico, ambientale e paesaggistico unico costruito nei secoli, a difesa del quale la Coldiretti chiede, tra l’altro, il superamento dei forti ritardi accumulati nell’attuazione delle strategie di sviluppo locale e una seria azione per il recupero e l’utilizzo delle terre incolte, per evitare l’abbandono e consentire alle imprese di avere terreno da coltivare. Alla manifestazione della Coldiretti ha dato la sua solidarietà il capogruppo regionale di An Gianni Plinio. «Giusta protesta - ha detto Plinio - Chiediamo una task force agricoltura con la presenza degli operatori del settore». Con gli agricoltori anche il consigliere Gabriele Sardo (Fi) e i Moderati per il Pdl Nicola Abbundo e Matteo Marcenaro.