Colf nel caos, il Tar blocca le assunzioni

Il Tar della Lombardia ha sospeso per un mese il rilascio dei nullaosta ai lavoratori extracomunitari. In un’ordinanza depositata lo scorso 27 agosto, il Tribunale amministrativo chiede al ministero dell’Intero e alla prefettura di verificare «se nel corso della procedura delle domande» legate al Decreto flussi del 2007, «iniziata il giorno 15 dicembre 2007, il cosiddetto “click day”, a partire dalle ore 8, si siano verificati degli errori al sistema informatico».
I giudici hanno dunque accolto il ricorso presentato dalla Cisl milanese per conto di alcuni datori di lavoro, nel quale si denunciava che i computer si erano «impallati» quando dovevano leggere nomi e cognomi troppo lunghi, escludendoli così dalla graduatoria assieme a quelli inseriti subito dopo.
Per Gilberto Mangone, della segreteria della Cisl, «questa vicenda costituisce un’ulteriore prova dell’irrazionalità del sistema delle quote com’è strutturato oggi». Dunque, «va ampliata la possibilità di assunzione e soprattutto superata l’illogica roulette che disciplina le procedure della regolarizzazione».