Collegamento telefonico tra le due Coree

Seul. Le due Coree hanno inaugurato ieri le prime linee telefoniche commerciali transfrontaliere dal 1945 nel quadro della progressiva distensione fra Pyongyang e Seul avviata nel 2000. Lo ha annunciato ieri a Seul il ministro dell’Informazione sud-coreano, Chin Dae-Je, secondo il quale la nuova infrastruttura mira a promuovere la cooperazione tecnologica fra i due Paesi. La cerimonia di inaugurazione, alla quale hanno partecipato rappresentanti dei governi della Corea del Nord e di quella del Sud, si è svolta nella cittadina confinaria di Kaesong.
Il servizio è affidato al maggiore operatore di telefonia fissa e a banda larga della Corea del Sud, la KT Corp, che ha messo in funzione 300 linee, che saranno utilizzate da 15 aziende sud-coreane e organizzazioni governative che operano nel complesso di Kaesong, pochi metri a nord della zona demilitarizzata che divide la penisola.
Le imprese sudcoreane che lavorano nel Nord potevano fare telefonate sinora solo grazie a 4 telefoni satellitari che passavano per un terzo Paese per connettersi.
Nord e Sud Corea avevano tagliato i servizi telefonici tra loro 60 anni fa, poco dopo la divisione della penisola seguita alla II guerra mondiale. Tecnicamente i due Paesi sono ancora in guerra perché il conflitto degli anni 1950-53 si è concluso con un armistizio e non con un trattato di pace.
Finora l’unica linea telefonica terrestre a collegare i due Paesi, che sono in stato di guerra fredda dal 1953, è la “linea rossa” diretta che collega i due capi di Stato, riservata ai momenti di crisi.