Colletta alimentare Chi fa la spesa oggi aiuta anche i poveri

Oggi chi fa la spesa può donare cibo a chi è più povero. È la dodicesima Giornata nazionale della colletta alimentare e quest’anno, forse, con un valore in più, perché si dona cibo ai meno abbienti pensando anche alla crisi. L’iniziativa della Fondazione Banco alimentare onlus coinvolge più di centomila volontari in tutta Italia e oltre 7.600 supermercati, in cui oggi sarà possibile per chiunque faccia la spesa donare alcuni prodotti non deperibili che saranno destinati a oltre 8.500 enti di carità che in Italia assistono oltre un milione e mezzo di poveri ogni giorno.
La Giornata nazionale della colletta alimentare coinvolge tutta l’Italia. Sarà possibile così aiutare concretamente i poveri che, secondo le ultime rilevazioni Istat del novembre 2008, sono il 12,8% della popolazione italiana. I volontari inviteranno le persone a donare alimenti non deperibili - preferibilmente olio, omogeneizzati ed alimenti per l’infanzia, tonno e carne in scatola, pelati e legumi in scatola - che saranno distribuiti a oltre 1.480.000 indigenti attraverso gli 8.500 enti convenzionati con la rete Banco alimentare (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà e centri d’accoglienza).
Per la «Colletta Alimentare» del 2007 oltre 5 milioni di italiani hanno donato più di 8.900 tonnellate di cibo per un valore di 26 milioni di euro. Tutte le informazioni sui punti vendita che aderiscono all’iniziativa sul sito www.bancoalimentare.it.