La collezione per celebrare il fondatore della dinastia

Era il 18 febbraio del 1881, quando Sotirio Bulgari, appena ventiquattrenne giunse a Roma: non aveva in tasca che ottanta centesimi di lira. Dopo le prime difficoltà e improvvisate «esposizioni» al Pincio, un commerciante greco di spugne, offrì a lui ed al socio di allora, Demetrios Kremos, di presentare i manufatti in argento in un angolo della vetrina del suo negozio, all'inizio di via Sistina, dove oggi è ubicato l'Hotel Hassler. L'iniziativa dette frutto e, successivamente, nel 1884, Sotirio abbandonò il socio ed aprì al numero 85 sempre di via Sistina. Fu l'inizio di un'avventura straordinaria che oggi, dopo 125 anni, la Casa ha voluto ricordare intitolando al fondatore una prestigiosa collezione di orologi.
La cassa è innovativa dal punto di vista tecnico ed estetico, connotata, in particolare, da anse geometriche con un'inclinazione convergente, integrate al fondello: la loro costruzione consente di ottenere un'elevata resistenza alle tensioni nonostante una superficie di attacco minima ed una finitura lucida e satinata, in virtù degli smussi a 45°. La corona è personalizzata con il monogramma «SB», il fondello è completato da vetro zaffiro, con l'unica eccezione dell'edizione commemorativa del 125° Anniversario, dotata di un doppio fondo incernierato in oro, mentre la lunetta non presenta il logo della Maison. Per quanto riguarda i quadranti, la loro eleganza formale non rinuncia a chiari riferimenti alla contemporaneità. Così, i numeri romani alternati agl'indici applicati a mano, icone dello stile Bulgari, si armonizzano in un contesto giocato su diversi livelli ed arricchito da svariati tipi di finiture.
La meticolosa cura dei dettagli si coglie anche nelle fibbie, tagliate a riprendere l'estetica delle anse, realizzate sempre internamente al gruppo e chiaro indice dell'ormai acquisita padronanza, da parte di Bulgari, dell'intero processo produttivo. La collezione Sotirio Bulgari si compone di 4 modelli, tutti meccanici automatici di manifattura con decori di altissimo profilo, in cui, fatta eccezione per il calibro B 89 montato sul Date Rètrograde, la massa oscillante è stilizzata ad arco allo stesso modo degli elementi peculiari dei quadranti. Il top di gamma è senz'altro il Tourbillon Quantième Perpétuel, realizzato in edizione limitata a 30 esemplari in platino, con ponte del tourbillon su un braccio unico e un’innovativa visualizzazione delle funzioni del calendario perpetuo su scale ad arco concentriche riferite a doppie lancette retrograde coassiali di diversa lunghezza: data e giorno della settimana al 9, mese e ciclo bisestile al 3.
Ecco, poi, il Quantième Annuel (edizione limitata di 125 pezzi in oro bianco e 250 in oro rosa), il cui datario retrogrado in oro applicato a mano si sviluppa su di un arco di 225°, mentre l'indicazione a finestrella di giorno e mese implementa il tema dell'arco aggiungendovi sofisticate trasparenze e sfumature. Alle quattro varianti del Date Rétrograde (con modulo della data retrograda collocato al 6 su di un arco a 150°, in acciaio e oro rosa con quadranti bianco e nero), si aggiungono, infine, le tre referenze del Sotirio Bulgari - Edizione Anniversario, in oro rosa, oro giallo e oro bianco, ognuna composta da 125 esemplari in edizione limitata. Impiegano il calibro BVL 250, con disco del datario sottostante il quadrante, svelato al 3 da un'ampia finestrella ricurva.
Non potevano mancare, nell'offerta 2009 della Casa romana, sofisticate e preziose creazioni destinate al pubblico femminile, come l'Assioma D (al quarzo su due misure di cassa), in oro bianco, oro rosa e oro giallo, dal ricercato taglio manchette con brancards laterali, in cui diversi sono i livelli di finitura con pietre preziose.