Collina si difende «Era pubblicità»

L’ex arbitro Pierluigi Collina è intervenuto dopo la pubblicazione di notizie riguardanti una sua fattura di 145.000 euro alla federcalcio. «Mi ero ripromesso di tacere, ma ora devo parlare», afferma. «Si tratta di mie spettanze per la partecipazione a iniziative promozionali e pubblicitarie dal 2003 al 2005, approvate dall’allora presidente Aia, Lanese. Niente a che vedere con il prossimo incarico di rappresentante Figc nella commissione arbitrale Uefa».