Colloquio immaginario tra Boccassini e premier

Caso Ruby, così Sgarbi immagina l'interrogatorio tra la pm e il presidente del Consiglio.
Lei: "Avete avuto rapporti sessuali a pagamento?". Il premier: "Non l'ho toccata, era alta 15 centimetri più di me..."

"Le nostre coordinate sono la le­galità, l’obbligatorietà dell’azio­ne penale e l’uguaglianza dei cit­tadini di fronte alla legge in un quadro di Stato di diritto". Sono parole del procuratore generale di Milano Manlio Minale. Pren­diamole per buone. E valutiamo le circostanze. Il reato di cui deve rispondere il presidente del Consiglio, e lui solo, è prostituzione con una minorenne.

Alcune intercettazioni, vaghe, affiancate ad altre relative a un clima di disponibilità sessuale di alcune maggiorenni, potrebbero dare consistenza a questa ipotesi di reato. Ma è evidente a tutti, con riferimento al principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge proclamato da Minale, che Silvio Berlusconi non è l’unico maggiorenne che avrebbe potuto avere rapporti sessuali con Ruby. Alcune esplicite telefonate fanno riferimento a «clienti» e a pagamenti per prestazioni.

Dunque vi sono altri attori di questo reato e altri, numerosi, indagabili. Vi risulta che sia stata aperta un’inchiesta, in nome della conclamata «obbligatorietà dell’azione penale»? Eppure non sarà impossibile, e neanche difficile, attraverso utenze telefoniche e testimonianze, risalire ad altri «clienti» della minorenne, ovvero ad altri supposti criminali. Qualcuno dirà: ma il presidente del Consiglio ha telefonato in questura per aiutarla, scoprendo il suo interesse. Peggio, osserveremmo gli altri che l’hanno usata senza aiutarla. Infatti Ruby non solo non ha denunciato Berlusconi, ma lo ha liberamente e spontaneamente assimilato alla Caritas, intendendo che le aveva fatto soltanto del bene. Se, quindi, da una parte lui nega d’aver avuto rapporti; dall’altra lei lo riconosce come benefattore, dov’è il reato?

O dovremo pensare che se suor Rita Giarretta e le suore Orsoline del Santo Cuore di Maria, che gridano contro Erode, aiutano e assistono una giovane, che si mostra loro riconoscente, possono rischiare di essere indagate dalla Boccassini? Allo stato,l’apparente paradosso vede una vittima che non si sente tale, e per difendere la quale si apre un’inchiesta. Ma non è giustizia, converrà Minale, quella che fa pagare a uno, scelto per avversione politica, le colpe di molti, evidenti, dimostrabili e protetti dall’azione penale per una evidente ipotesi di corruzione, o di omissione di atti di ufficio della magistratura inquirente. In termini tecnici quella che si impone a Silvio Berlusconi non è una azione giudiziaria, da cui altri sono miracolosamente preservati (pur essendo i loro nomi certamente registrati e identificabili nei tabulati telefonici), ma una ordalia.

Si chiede a Berlusconi di dimostrare che ha fatto quello che non ha fatto, in una prova del fuoco, «per un giudizio di Dio» che vede e sa ciò che gli uomini non vedono e non sanno. Nell’ordalia milanese (e quindi di discendenza longobarda) l’innocenza o la colpevolezza dell’accusato vengono stabilite sottoponendolo a una prova dolorosa o a un duello. È esattamente quello che sta accadendo con lo sputtanamento mediatico e la continua esortazione a presentarsi ai giudici per farsi processare in un duello senza esclusione di colpi e con vergognose intercettazioni di conversazioni private e di sfoghi di ragazze Somma iniuria .

È questo il passaggio ritenuto obbligatorio per mostrare il rispetto delle regole, requisito necessario per un uomo di Stato. Così dichiara, per esempio, il liberto berlusconiano Pisanu, e però lui, come altri, sembra dimenticare un principio cardine della Costituzione e l’indipendenza e l’autonomia dei poteri. E come può essere garantita, perduta l’immunità parlamentare, quando un potere, arbitrariamente decide di prevalere e di incriminare? Dico arbitrariamente perché l’inchiesta si apre su uno e non su altri possibili responsabili dello stesso reato, facendogli scontare la differenza: incrimino te, in quanto presidente del Consiglio, gli altri non mi interessano. Evidente discriminazione. Evidente abuso, evidente violazione dell’autonomia del potere esecutivo.

Cosa vuol dire: «Berlusconi chiarisca la sua posizione davanti ai magistrati ». Quale posizione? Quella è già chiarita, da una parte e dall’altra, con inequivocabili testimonianze. Non si vuole che Berlusconi chiarisca, si vuole da lui un atto di sottomissione. Da lui, come presidente del Consiglio, chiamato davanti a un tribunale supremo, in evidente contrasto con l’autonomia dei poteri prevista dalla Costituzione. Non importa quello che Berlusconi dirà. Si pretende che, in nome del popolo italiano, egli si presenti. Lo si vuole spogliare della sua dignità politica di presidente del Consiglio e di deputato per ridurlo a imputato, meno uguale degli altri che imputati non sono e non sono stati.

La loro «posizione» non interessa. La magistratura vuole avere il dominio del campo, giocare in casa. Il rito ben conosciuto da Berlusconi che lo ha applicato nei rapporti con gli alleati, invitandoli a discutere e a trattare sempre a casa sua. Per il «dominio del campo» appunto. Tutti sono andati a casa sua, Casini, Fini, Bossi, Dini, Mastella e anche Martinazzoli, Segni. In sedi parallele e alternative a Palazzo Chigi (Arcore, Palazzo Grazioli), anche ministri e presidenti della Camera e del Senato; lui non è mai andato a casa loro. Conosciamo le dimore del presidente del Consiglio, non quelle dei suoi alleati ministri. Allo stesso modo i magistrati lo vogliono nel «loro» palazzo.

Per dargli ordini, per controllarlo in spazi definiti e conosciuti: «Imputato alzatevi!». E a quali domande dovrebbe rispondere o, persino, avvalersi della facoltà di non rispondere? Possiamo immaginare l’interrogatorio. Ilda Boccassini: «Declini le sue generalità ». L’imputato: «Silvio Berlusconi nato a Milano il 29 settembre 1936».
I.B : «Professione?». S.B : «Capo del governo». I.B : «Lei conosce detta Ruby? ». S.B : «Sì». I.B : «Le risulta che fosse minorenne al tempo del vostro primo incontro?». S.B : «No. Mi disse di avere 24 anni». I.B : «Ha fatto sesso con lei pagandola?». S.B : «No. Non l’ho toccata e aggiungo che era alta 15 centimetri più di me. L’ho ammirata danzare, come Salomé. Capisco le ragioni di Erode ma anche quelle del Battista». I.B : «Non avete mai avuto rapporti sessuali». S.B : «Mai». I.B : «Risultano però versamenti a suo favore. Come li giustifica?». S.B : «Sono regali, manifestazioni di generosità e di affetto. Come ai miei figli.D’altra parte, Ruby, come altre, potevano tranquillamente lavorare in trasmissioni televisive con regolare contratto, come alle “Pupe e i secchioni”e a “Uomini e donne” e, finite le registrazioni, venire con il loro agente a visitare il famoso e ammirato proprietario delle televisioni, come fa qualunque attrice con il produttore. Amicizia, divertimento, non sesso». I.B : «E perché telefonare alla questura per fare liberare Ruby?». S.B : «Per informarmi. Avendo il dubbio che fosse congiunta di Mubarak, mi preoccupai di impedire un possibile incidente diplomatico come quello occorso tra la Svizzera e la Libia dopo l’arresto a Ginevra del figlio di Gheddafi ». I.B : «Altro da dichiarare?». S.B : «Non ho capito di quale reato sono chiamato a rispondere». Questo, all’incirca è l’andamento dell’interrogatorio per offrire chiarimenti tanto cari a Pisanu. Difficile che possa venire fuori di più; e quello che Berlusconi potrebbe dire già lo sappiamo, ma dopo gli infiniti insulti, la mortificazione e l’umiliazione di ragazze che speravano, motivatamente, di poter lavorare in televisione, di avere trovato attenzione e protezione (senza essere in alcun modo prostitute, come sono state ingiustamente considerate), dopo le insostenibili oscenità di Giuseppe D’Avanzo, le ricostruzioni di serate di festa come orge, la demonizzazione del clima da discoteca senza particolari eccessi (abbiamo dimenticato la situazione nella quale fu trovato Lapo Elkann?), occorreva la sottomissione per manifesta condotta viziosa. Sono di Berlusconi ovviamente, gridando allo scandalo. In fondo c’è sempre qualcosa di sordido nel sesso. Ma non si discute quello di Mapplethorpe, Pasolini, Bacon, Withkin, Vendola. In questo caso riservatezza e rispetto della vita privata. D’altra parte si chiama privata. In un’altra intervista non immaginaria al membro del Csm e già procuratore della Repubblica di Venezia Vittorio Borraccetti abbiamo letto. D: «In questi anni l’abbiamo vista sempre impeccabile in giacca e cravatta nel suo ufficio. Com’è Borraccetti nella vita privata?». R: «Proprio perché è privata preferisco non parlarne. Solo una cosa le rivelo. Non amo molto le cravatte, preferisco le polo». Berlusconi in privato ascolta e fa ascoltare l’«Uccello di fuoco» anche alla sedicente nipote di Mubarak. La sua presenza gli ha incendiato la casa. È stata esplosiva. Oggi l’Egitto brucia.E supremo paradosso Mubarak salva Berlusconi.