Colombia, crollo in una miniera: 22 morti, 50 intrappolati

L'incidente vicino alla città di Suarez: un gruppo di contadini della zona erano andati a scavare perché era stato scoperto un filone d'oro anche se la miniera era inattiva e l'ingresso vietato

Bogotà - La speranza di poter portare a casa un po' d'oro prelevato da una piccola miniera inattiva si è trasformata oggi in una trappola mortale per almeno 22 persone nei pressi della città di Suarez, nello stato colombiano di Cauca. Stando alle fonti locali, l'entrata del giacimento aurifero é improvvisamente crollato provocando la morte di almeno 22 persone, mentre altre dieci sono rimaste ferite.

Le operazioni di soccorso sono ora concentrate su un numero imprecisato di persone, forse una cinquantina, rimaste intrappolate. La miniera veniva sfruttata in modo artigianale e pertanto l'ingresso era vietato, ha raccontato uno dei funzionari di Cauca, Carlos Horacio Gomez, precisando che l'incidente è avvenuto quando un gruppo di abitanti della zona è penetrato nella miniera dopo aver individuato un filone d'oro, senza rispettare i divieti. "Una volta fatta la scoperta che c'era oro, alcuni contadini sono entrati nella miniera, che si trova vicino all'area macchine della centrale idroelettrica di Salvajina, senza alcun tipo di precauzione tecnica", ha raccontato Gomez. "Temiamo che una cinquantina di essi - ha puntualizzato - siano rimasti intrappolati".

Il primo corpo tirato fuori dalla miniera è stato quello di una donna, hanno riferito altre fonti. Il telegiornale Rcn ha reso noto che subito dopo l'incidente, i soldati dell'esercito sono riuscite a mettere in salvo una decina di uomini. Sul posto stanno d'altra parte lavorando alcune escavatrici e macchine per il movimento della terra. Oltre ai soldati, ai lavori sta partecipando anche personale della Croce Rossa e della protezione civile. A quanto pare, il crollo è avvenuto a causa di uno smottamento, frutto a sua volta delle intense piogge cadute in questi giorni nello stato di Cauca.