Colombia: la guerriglia rapisce governatore

Nelle mani dei terroristi Luis Francisco Cuellar, portato via da casa da un commando ben organizzato

Le davano in crisi. Ma le Farc, il più importante movimento guerrigliero presente in Colombia, hanno messo a segno un'azione spettacolare, inusuale di questi tempi: hanno sequestrato il governatore della provincia di Caquetà. Luis Francisco Cuellar, un ricco latifondista, è stato prelevato nella sua residenza privata da un commando di una ventina di uomini con uniformi militari. Secondo i giornali locali, il Governatore è stato portato via in pigiama e trasferito nelle vicine montagne dove le Farc sono accampate. Il Presidente Alvaro Uribe ha offerto una taglia di 500 mila dollari a chi darà informazioni utili all'intervento dei militari, chiamati ad intervenire per liberare non solo il governatore ma anche altri 24 ostaggi, per lo più soldati e poliziotti da tempo nelle mani delle Farc. Cuellar era già stato rapito altre quattro volte, a segnalare quasi fisicamente l'endemicità della guerra civile. «Non possiamo continuare ad essere alla mercé di questi terroristi che tutti i giorni bagnano di sangue il paese e lo ingannano», ha detto Uribe. Infatti le Farc hanno annunciato di essere pronte a liberare due ostaggi.