Colombia Stava per essere imbalsamata: si sveglia in obitorio

Si è svegliata in extremis. Mancavano ancora pochi secondi, poi l’uomo delle pompe funebri l’avrebbe imbalsamata. È l’incredibile storia di una donna colombiana, il cui referto medico era chiaro: infarto fulminante. Lei però, nella camera mortuaria, ha dimostrato di esser ancora viva. «Muoveva il braccio destro, ho fermato la procedura e l’abbiamo portata di corsa all’ospedale», racconta Jamie Aullon, l’uomo che stava per iniettarle la dose che si utilizza per conservare i corpi prima del funerale. Tra lo sbigottimento generale - gli «accidenti è viva» degli impiegati dell’agenzia - alla fine sul posto è arrivata un’ambulanza, diretta all’ospedale di Cali, nella parte occidentale della Colombia. Noelia Serna ora è ricoverata nel reparto di terapia intensiva. Secondo i medici le sue possibilità di sopravvivere «non sono alte».