Colonia Fara e Mercato del pesce, una sfida

La colonia Fara di Chiavari e il Mercato del Pesce di piazza Cavour saranno i protagonisti di una convegno che si terrà domani alle ore presso la sala del Museo di Sant’Agostino.
«La sfida del Moderno. Architettura, identità, progetto» è il titolo della conferenza pubblica organizzata dall’associazione Opera Prima con il patrocinio del Municipio I Centro Est. La conferenza intende offrire un contributo di riflessione critica e un’occasione di confronto sulle tematiche del patrimonio moderno e sullo «stato dell’arte» dell’architettura razionalista a Genova e in Liguria. Per questo sono stati scelti come casi di studio la colonia futurista Fara di Chiavari e il Mercato del pesce di Genova che offrono, in termini di proposte di riuso, spunti di interesse inediti per la messa a punto di criteri d’intervento atti a fornire soluzioni adeguate alla nuovo società contemporanea. L’architettura del movimento moderno ha vissuto un rapporto difficile e contraddittorio con la società che pretendeva di forgiare e rappresentare. A partire dalla fine del secondo conflitto mondiale il pregiudizio ideologico e il furore iconoclasta verso le vestigia architettoniche del ventennio fascista hanno portato in Italia un vera e propria opera di cancellazione della memoria e dell’identità culturale di quel periodo. Moderno, modernità, modernizzazione: oggi ci si chiede quali significati e connotazioni assumono questi concetti alla luce dei processi di trasformazione indotti dalla globalizzazione. Un quesito importante cui cercheranno di dare risposta i relatori Angelo Cacciola Donati, direttore del progetto Futuristisiti.com, l’archietto Riccardo Forte (Université de Paris I Panthéon-Sorbonne DoCoMoMo International), gli architetti Romina Botta e Paolo Sansalone, e Mattia Montaldo, dell’associazione Partecipattiva di Chiavari. L’incontro sarà moderato da Mario Bozzi Sentieri. Interverranno gli assessori Roberta Bergamaschi e Milena Pizzolo.