Colorado Pacifisti anti-Palin: 10 arresti

Washington La polizia è dovuta intervenire per fermare e trascinare via un gruppo di otto-dieci dimostranti particolarmente aggressivi che ieri hanno cercato di bloccare il corteo di auto della candidata repubblicana alla vicepresidenza, Sarah Palin. È accaduto a Grand Junction, nel Colorado, Stato che proprio ieri lo staff di McCain ha dichiarato elettoralmente perso. La Cnn ha riferito che l’incidente è avvenuto a pochi metri dall’auto della governatrice dell’Alaska, quando il gruppetto si è staccato dal resto dei manifestanti e si è lanciato in mezzo alla strada davanti all’automobile della vice di McCain subito dopo il passaggio dei primi agenti in motocicletta di scorta al convoglio. Il “fenomeno Palin”, frattanto, continua. La puntata di lunedì scorso di «Saturday Night Live», lo show televisivo in cui la candidata vicepresidente di McCain si è confrontata spiritosamente con la sua imitatrice Tina Fey ha battuto il record di pubblico degli ultimi 14 anni, attirando 14 milioni di spettatori. Sarah Palin, inoltre, fa ormai parte dell’inconscio collettivo americano, anche erotico: sono iniziate a circolare le prime copie di «Nailin’ Paylin», la parodia porno prodotta da Larry Flint, l’editore della rivista Hustler. Che sul sito della rivista presenta il «Paylingate» e parla di «Veep Throat», un gioco di parole, intraducibile, tra gola profonda e vicepresidente. Per la festa di Halloween del 31 ottobre, infine, sta andando a ruba in tutta l’America la maschera di gomma col volto di Sarah.