Coltello alla gola al bimbo di due anni

Lunedì pomeriggio, nella cittadina svedese di Malmö, un uomo di mezza età ha sequestrato un bambino di due anni, mentre si trovava nel centro dellà città. Ha tenuto il piccolo ostaggio per due drammatiche ore. La polizia locale è subito intervenuta. Nella foto qui accanto, l’uomo stringe il bambino minacciando di fargli del male con un coltello, che tiene vicini alla gola del piccolo. L’uomo, di cui non è stata resa nota l’identità dalle autorità, non è un parente della madre e del bambino. Secondo i portavoce della polizia, «sembra essere mentalmente instabile». Gli agenti hanno isolato gran parte dell’area dove si stava svolgendo la tragedia e sul posto sono subito arrivate le ambulanze. Una folla di curiosi si è subito formata attorno alla zona delle operazioni. Secondo alcuni muratori che lavoravano nella zona al momento del sequestro, l’uomo avrebbe preso in ostaggio il piccolo all’interno di un centro commerciale. Poi avrebbe provato a scappare da una porta sul retro, finendo in un’area di uffici. Sul luogo sono subito arrivati non soltanto i poliziotti, ma anche un gruppo di negoziatori che per diverse ore hanno cercato di far ragionare l’uomo. Il bambino è stato rilasciato e non è ferito. Il rapitore è stato arrestato.