Colto sul fatto: «Dare fuoco? Uno spasso»

Lo hanno fermato in corso d’opera: appiccava il fuoco nella campagna di Sezze, in provincia di Latina. E in manette, davanti ai carabinieri, ha confessato senza indugi: «Dare fuoco? È il mio hobby preferito». Il piromane, un 63enne operaio, è stato bloccato grazie alla segnalazione di un cittadino che lo aveva visto accatastare del fogliame. L’intervento dei carabinieri lo ha fermato per la seconda volta dopo il ’95. I familiari non hanno fatto una piega: conoscendolo, non potevano che aspettarsi un epilogo del genere. In Sardegna intanto altri due arresti per incendio doloso: un 29enne, guardiano di un cantiere edile, è stato sorpreso mentre appiccava le fiamme nella campagna di Arzana, nel Nuorese. Qualche ora dopo in manette è finito anche un pensionato di 46 anni, suo presunto complice. Confermate anche le ipotesi dolose per l’incendio su cui volava, lunedì, il canadair caduto: sono stati trovati ad Acciano (l’Aquila) «ordigni incendiari» usati come innesti.
Scarcerati, invece, ma con obbligo di firma alla polizia, i due polacchi accusati per un incendio vicino a Siracusa.