Combattiamo il fumo per tutelare i giovani

Sono la madre di un ragazzo in piena adolescenza, la classica età critica nella quale i ragazzi sono esposti a tutte le peggiori tentazioni e pericoli. Tra i più pericolosi ci sono droga, alcool e fumo. Cosa deve fare una madre per evitare che suo figlio inizi, per esempio, a fumare? La legge ci sarebbe: non è consentito vendere tabacchi a chi ha meno di 16 anni. Ma come hanno dimostrato vari filmati in Tv, i rivenditori ignorano tale divieto. Si ricade come al solito nella totale assenza di controlli. Sono sicura invece che se si cominciassero a fare delle verifiche, avremmo delle spiacevoli sorprese. Si elaborano in continuazione codici della strada, norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, ma nella lotta al fumo dopo Sirchia non ho più visto nulla di concreto. Nei miei sogni c’è la licenza «a punti» sulle tabaccherie, come per le patenti. Ma sono scettica che si farà qualcosa, forse perché sui tabacchi il primo a perderci, per la chiusura anche solo temporanea di una rivendita, è proprio lo Stato che dai monopoli sul tabacco incassa un bel gruzzolo ogni anno.