Al comitato Giuliani più soldi che al Gaslini

No global, ma col portafoglio pieno. Il «Comitato piazza Carlo Giuliani Onlus» fa cassa grazie ai soldi del 5 per mille versato dai genovesi. E a chi si batte per fare un eroe del ragazzo che assaltava la jeep dei carabinieri con un estintore in mano riceve più denaro, ad esempio, dell’istituto David Chiossone o del «Sogno per il Gaslini» e della stessa Fondazione Gerolamo Gaslini. Sessantaseimila euro e spiccioli andranno nelle casse del comitato una volta fatti i conti delle donazioni arrivate grazie alle dichiarazioni dei redditi 2006 (cioè relative al 2005). La «classifica» diramata dall’Agenzia delle Entrate conferma la sorpresa. Il comitato «Piazza Carlo Giuliani» ha ottenuto la firma di 2.467 liguri, la settima associazione più amata dopo istituzioni storiche come l’Aism (835mila euro) o la Gigi Ghirotti (377mila), la Fondazione per la lotta al neuroblastoma (207mila) o la Fondazione Carlo Felice (100mila).
Un risultato forse inaspettato per gli stessi membri del comitato, ma non solo, visto che la stessa Agenzia delle Entrate, nel comunicato con cui annuncia i versamenti più consistenti riconosciuti alle varie onlus, precisa che «per completezza di informazione, è bene precisare che l’Istituto Giannina Gaslini ha ricevuto 5.396.881,25 euro per i contributi destinati alla ricerca sanitaria, mentre la Fondazione Italiana Sclerosi Multipla ne ha ricevuto altri 3.125.178,83 euro quali scelte destinate alla ricerca scientifica». Cose assai diverse dal 5 per mille, ma utili a far suonare la scelta dei contributi forse un po’ meno impressionante.
Molte associazioni e fondazioni che avevano invitato a firmare per concedere una piccola quota di imposte a loro favore sono invece rimaste escluse dalla ripartizione «per mancata o tardiva presentazione della documentazione prevista dalla norma o per mancanza dei requisiti». L’Agenzia delle Entrate ha così negato i benefici del 5 per mille a 246 soggetti, dividendo la quota loro spettante in proporzione tra le altre associazioni che invece ne avevano diritto. L’elenco completo di chi otterrà i soldi destinati al volontariato e di chi è stato escluso è a disposizione sul sito http://liguria.agenziaentrate.it.