Via Commenda Nuovo sportello per aiutare chi è in «attesa»

Un aiuto speciale, che solo il calore umano sa rendere tale. È quello che si propongono di offrire alle future mamme e a tutte le donne che si rivolgono alla Mangiagalli, un gruppo di volontari che da ieri ha inaugurato il nuovo punto di accoglienza di via della Commenda. La particolarità: tutto il personale è stato formato attraverso corsi di psicologia dell'ascolto e dell'accoglienza in modo da essere pronto a indirizzare le pazienti ai reparti di assistenza e diagnostica e a confortarle nelle difficoltà che precedono l'entrata in Pronto soccorso. Il Punto di accoglienza, che funzionerà dal lunedì al sabato, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 16.30, è frutto dell'iniziativa di Francesca Zanconato, consigliere di amministrazione della Fondazione Policlinico, che ha coinvolto le diverse associazioni di volontariato presenti in ospedale. Lo sportello infatti, verrà gestito dalle volontarie di Avo (Associazione volontari ospedalieri), Abn (Associazione bambino nefropatico), Fondazione De Marchi, Commissione visitatrici per la maternità, Cav (Centro aiuto alla vita) e Svs-Dad (Donna aiuta donna). Fra le iniziative inaugurate oggi c'è anche quella dell'Associazione per il bambino nefropatico onlus (Abn), che ha contribuito a rinnovare i macchinari della clinica, donando un nuovo ecografo digitale per le future mamme del Puerperio della Mangiagalli, e una Tac 16 strati al servizio di radiologia pediatrica della clinica De Marchi in sostituzione della precedente, ormai obsoleta. La nuova Tac permetterà di ottenere immagini più precise, somministrando una dose minima di raggi e in un tempo sensibilmente più breve.