Il commento E alla fine ha vinto la musica

Ma poi la notizia è un’altra. Nello scontro tra X Factor e il caposcuola Amici, che ha fatto la gioia dei teleanalisti pronti a snocciolare i dati d’ascolto, c’è un altro vincitore: la musica. Ma ci pensate: martedì sera oltre otto milioni di telespettatori, quasi la metà degli italiani sintonizzati, hanno ascoltato musica e hanno parteggiato per questo o quel cantante seguendo un rito che per qualcuno non era neanche vintage, ma proprio dimenticato, noioso.
Ricordate Canzonissima? Ecco. Si diceva che la musica ormai bye bye, in televisione non facesse ascolto e pace all’anima sua. Si diceva che la gente (ma quale gente?) volesse solo le pelosità dei reality, quelle sì spettacolari, oppure la fiction.
E invece.
Ci sono stati, l’altra sera, momenti emozionanti a X Factor come la Walk this way dei Bastard Sons of Dioniso, entusiasta e rinata, oppure la Calling you di un Daniele strepitoso nell’alternanza di falsetto e voce piena nei ritornelli. E pure «’O sarracino» di Luca, autentico come sarebbe piaciuto a Carosone, e Alessandra con una «Volami nel cuore» (quasi) all’altezza di Mina sono stati scintillii di musica bella ad Amici, suonata da una signora orchestra e da voci cariche di gioia. Insomma, il talento paga, chi è bravo vince e, soprattutto, non si può più fare a meno di notare che la musica si indossa bene anche in tv, altro che.