Commercialista massacrato in mezzo alla strada

da Milano

Per il momento è avvolto nel mistero fitto il caso di Maurizio Oldani, dirigente della Margherita di Milano, il commercialista di 47 anni ritrovato ieri mattina lungo una strada del centro di Milano, poco lontano dalla sua abitazione, privo di sensi, insanguinato e con grosse tumefazioni alla testa, al naso e alla bocca. L’uomo - celibe e incensurato - dopo essere stato operato si trova ora in rianimazione all’ospedale Fatebenefratelli e le sue condizioni sono gravissime. «Lotta contro la morte» dicono i medici.
Il fatto è accaduto poco prima delle 6.30 in via Porta Tenaglia, zona Garibaldi, a poche centinaia di metri dall’Arena civica. Mancavano pochi minuti alle 6 quando un passante ha avvisato il 113. Giunti sul posto i poliziotti sono rimasti ammutoliti. «C’era sangue ovunque, che gli usciva dalla bocca e dal naso -. hanno spiegato -. Quel poveretto aveva anche parecchie ferite in faccia e sulla testa». Ematomi che avevano causato alla vittima un violento trauma cranico cerebrale.
«Stiamo sentendo tutti i suoi parenti», spiega la polizia che esclude del tutto la rapina: l’uomo aveva in tasca tutto il suo denaro. E con il passare delle ore prende sempre più corpo la pista di una vendetta privata. Forse legata a motivi passionali.