Commercianti, no alla Ztl: «Siamo pronti alla serrata»

Contro la ztl a Chinatown, commercianti italiani e cinesi si alleano e minacciano la serrata. Pronti ad agire «se il Comune non ascolterà le nostre proposte». L’assessore Masseroli lascia aperta la porta del dialogo: «Se hanno proposte alternative o complementari alla ztl, vengano a farcele e possiamo discuterne, purché siano veloci e garantiscano la stessa efficacia». Ma «basta temporeggiamenti». L’obiettivo è noto: il Comune vuol rendere la vita dura ai grossisti per convincerli a traslocare. Poco credibile che a Lacchiarella vadano i grossisti di Sarpi («saranno pochi, gli spazi vengono occupati dai cinesi di altre regioni», afferma l’assessore Maiolo). Ma non sperino di spuntare un’area in via Ripamonti, il vicesindaco Riccardo De Corato è chiaro: «Non se ne parla, l’unica possibile in città è via dei Missaglia». E la cordata cinese che aveva fatto dietrofront, da ieri ha ripreso in mano il progetto.