Commercianti di Sampierdarena pronti a salvare il teatro Modena

Nel prossimo fine settimana verranno inaugurati i lavori di riqualificazione realizzati dal Comune e dai vari Civ

Impalcature e transenne resteranno solo un ricordo per gli abitanti di Sampierdarena, che sabato 13 e domenica 14 dicembre vedranno finalmente inaugurare, dopo i lavori di ristrutturazione, via Pietro Chiesa, Piazza Vittorio Veneto e via Rolando. «È dal 2004 che l'amministrazione punta su questi interventi - spiega l'assessore ai Lavori pubblici Mario Margini - Aver speso più di 3milioni di euro per far rivivere questo quartiere è significativo, considerando il degrado in cui versava. Ci sono anche altri obiettivi da raggiungere che ci stanno particolarmente a cuore, primo fra tutti, la “rinascita” del Teatro Modena». E proprio su quest'ultimo progetto puntano i commercianti di Sampierdarena, che all'unisono levano un accorato appello: «Noi siamo pronti a salvare il Modena». Enzo Robino, presidente del Civ Rolandone sottolinea quanto sia forte, da parte degli esercenti, la voglia di rivedere il proprio teatro tornare agli antichi splendori. «Abbiamo investito 200mila euro per l'opera di riqualificazione di alcune vie di Sampierdarena - dice -, e siamo disposti a fornire il nostro contributo anche per i lavori del Modena». Tra gli interventi che verranno inaugurati il prossimo fine settimana ci sarà quello legato alla ristrutturazione di via Pietro Chiesa, costato 332mila euro, che ha portato alla risistemazione e all'allargamento dei marciapiedi, alla piantumazione di nuove alberature e alla riorganizzazione delle aree di sosta con l'obiettivo di garantire una continuità sia pedonale che viaria con via Sampierdarena. Il secondo intervento, costato 1 milione 350mila euro, ha interessato via Rolando e il Civ del Rolandone. Anche in questo caso il progetto prevedeva il rifacimento della strada, dei marciapiedi e dell'illuminazione pubblica. Ultima, ma non meno importante, la riqualificazione di Piazza Vittorio Veneto (617mila euro), punto nevralgico dell'intero quartiere, porta d'acceso virtuale verso l'area della Fiumara. La piazza è stata restituita ai cittadini grazie alla creazione di spazi verdi e di aree pedonali molto più ampie. Le zone di sosta per le autovetture sono state organizzate diversamente, in modo da non intralciare i flussi di traffico agevolati dall'inserimento di una rotatoria. «Questi lavori - sostiene Domenico Minniti, presidente del Municipio Centro Ovest -, sono gli importanti tasselli di un mosaico che intende restituire vivibilità a Sampierdarena».