Compagnie aeree in picchiata

Un quadro poco rassicurante sul piano mondiale, i timori di inflazione negli Usa, e i possibili interventi della Bce sui tassi, hanno condizionato l’andamento delle Borse delle due rive dell’Atlantico. A New York i listini azionari presentano una accentuata irregolarità: il tema delle concentrazioni ha penalizzato Salesforce.Com del 4,2%, mentre si rafforza Google (più 0,4%). Pesante Ryanair (meno 5,6%), nonostante gli utili siano stati superiori alle attese. I titoli delle compagnie aeree sono deboli in Europa, con un calo del 4% per Air France e del 2,4% per Lufthansa. Positive le azioni dell’auto a Parigi, mentre sulla piazza di Londra cresce di circa il 3% United Utilities, ma cede ancora Intercontinental Hotels in calo di oltre il 3 per cento.