Compagnie L’Antitrust boccia gli emendamenti sull’esclusiva

CA DE’ SASS Passera: «Ne stiamo parlando, dipende molto da loro. È un settore che cambia»

L’Antitrust boccia gli emendamenti, in discussione in Commissione Industria al Senato, che comporterebbero una marcia indietro rispetto al divieto, oggi previsto, di esclusiva nel rapporto di distribuzione tra compagnie assicurative e agenti e rispetto alla facoltà di recedere senza oneri da contratti assicurativi con durata poliennale. Le proposte «inciderebbero negativamente tanto sugli assetti concorrenziali dei mercati assicurativi coinvolti, quanto sulla tutela del consumatore», si legge nel parere dell’Authority, ritenuto invece infondato dal presidente dell’Ania - l’associazione italiana delle assicurazioni - Fabio Cerchiai. «Possibili sconti sui prezzi - sostiene Cerchiai - e la garanzia di copertura per più anni possono ben spiegare e giustificare l’interesse e la convenienza per i consumatori ad assumere consapevolmente un impegno contrattuale oltre l’anno. Ciò, in particolare, in settori quali l’assicurazione sulla salute». Cerchiai osserva inoltre che l’introduzione del divieto di monomandato «ha determinato, come era inevitabile, un aumento dei costi di distribuzione».