Per il compleanno numero 80 gratis ai clienti il «plus» hi-tech

È un’iniziativa valida anche per tutto il prossimo mese La mission dei due fondatori

Normalmente, un compleanno implica che sia il festeggiato a ricevere il regalo. Alla Volvo, però, non la pensano così. Anzi, per festeggiare gli 80 anni della casa svedese, Volvo Auto Italia ha deciso di condividere l’importante traguardo in maniera del tutto inaspettata ma, indubbiamente, assai gradita ai suoi clienti. Almeno, quelli che a marzo e aprile decideranno di acquistare un qualsiasi modello della gamma. Infatti, in questo periodo offre gratuitamente la tecnologia di sicurezza più avanzata disponibile per la vettura scelta.
Un modo semplice per ribadire che la Volvo continua a ritenere la sicurezza non solo un punto fondamentale della sua produzione, ma anche un vero e proprio valore civico, che trascende da qualsiasi valutazione di carattere economico. Del resto, gli 80 anni d’attività di questo marchio lo testimoniano in maniera inequivocabile perché è evidente a tutti che l’impegno profuso per sviluppare tecnologie destinate a salvaguardare l’incolumità di chi viaggia in auto. Una filosofia che si può dire abbia guidato, sin dal primo giorno d’attività, l’operato della Volvo. Una mission che, quel 14 aprile 1927, i due fondatori della casa, Assar Gabrielsson e Gustaf Larson, esemplificarono con poche, ma chiare, parole: «Le macchine sono guidate dalle persone, pertanto il principio guida dietro ogni nostra azione in Volvo è - e deve rimanere - la sicurezza». Al riguardo basta ricordare l’invenzione della cintura di sicurezza a tre punti d’ancoraggio, avvenuta nel 1959, che non fu mai brevettata dalla Volvo che, così, rinunciò a notevoli benefici di tipo economico pur di mettere a disposizione, di tutti, una soluzione d’indiscussa validità che, tra l’altro, tuttora è utilizzata dai costruttori. Da allora il concetto di semplice protezione passiva degli occupanti si è allargato a quello, assai più evoluto, di prevenzione degli incidenti. Un’evoluzione resa possibile dall’applicazione di tecnologie sempre più sofisticate generate dall’esteso impiego dell’elettronica.
L'operazione di Volvo Auto Italia, oggetto di una campagna di comunicazione che in questo periodo è davanti agli occhi di tutti, prevede che l’acquirente di una «svedese» non debba sostenere il costo di eventuali sistemi come il BLIS - che tiene a bada gli angoli ciechi degli retrovisori - o l'ACC-CMS - il cruise control adattivo - o, ancora, i fari bi-xeno piuttosto che la trazione integrale AWD, ovviamente quando prevista, che la casa considera da sempre un equipaggiamento che innalza i parametri della sicurezza attiva.