Comprare un box a Brera costa 100mila euro

I promotori: «Domanda alta, c’è chi lo usa per tenerci gli sci o le casse di vino»

Serena Cipolla

Novantamila euro per un box auto. Questo il prezzo che si arriva a pagare nel centro storico di Milano, con punte oltre i centomila, quasi quanto un mini appartamento in una zona periferica della città. «I box hanno prezzi di affezione e costano anche 100mila euro in centro, come in via Borgonuovo - spiega Claudio Lossa del listino prezzi della Borsa Immobiliare - e in piazza Repubblica scendono solo fino a 70mila. I costi sono determinati dalla forte richiesta di chi abita nelle zone più prestigiose o in quelle molto trafficate, dove è impossibile trovare spazi dove posteggiare la macchina». Inoltre, sottolineano gli operatori, a Milano edificare box costa molto perché c'è il problema della falda. La città è costruita sopra l'acqua e sul prezzo finale incidono la difficoltà di costruzione e i lavori di impermeabilizzazione che bisogna obbligatoriamente fare.
«Nel centro storico non esiste un box invenduto - conferma Filippo Oriana, presidente di Aspesi, l'associazione dei promotori immobiliari - questo mercato è diverso da quello residenziale. I prezzi sono consistenti e rimangono tendenzialmente stabili perchè in alcune zone trovare una collocazione per l’auto diventa un bisogno. E lo stesso accade nelle zone residenziali del semi-centro dove la domanda di box è sostenuta». Anche perchè, secondo Oriana, i milanesi hanno una predilezione per il box: «Lo vogliono per utilizzarlo anche come deposito per metterci le casse di vino o gli sci - dice il presidente di Aspesi - non è una caso che i posti auto aperti, compresi quelli protetti da cancelli, nella nostra città valgano meno della metà dei box chiusi».
Una valutazione confermata dalle rilevazioni di Tecnocasa: «Nei primi sei mesi dell’anno - afferma il responsabile dell’ufficio studi Guido Lodigiani - i prezzi sono cresciuti solo dell'1,1 per cento e dello 0,8 per i posti auto, mentre c'è stato un lieve calo dello 0,9% in piazza Missori, corso Magenta e in zona Bovisa e Sempione».
A Brera un box costa 70mila euro, mentre il prezzo scende a 53mila nella zona di Sant’Ambrogio e a 50mila in via Larga, via Torino, nelle adiacenze del parco delle Basiliche e a Porta Ticinese. Prezzi analoghi anche intorno al Parco Solari, a Porta Genova e in via Washington. E 50mila euro è pure la richiesta nella zona della Stazione Centrale, in via Vitruvio e a Porta Venezia, dove i residenti devono fare i conti con il rischio furto. Scendono di 10mila euro i box in via Cagliero e nelle vicinanze di Cenisio e Procaccini dove sono venduti a circa 40mila euro. Nel resto della città i prezzi scendono progressivamente fino a toccare il minimo rilevato a Bruzzano, dove si comprano a 22mila euro. «I box sono legati alla compravendita delle abitazioni con più di due locali- spiega il vicepresidente della Borsa Immobiliare Mauro Danielli -: se non è prevista la sistemazione dell’auto non si riesce a vendere l'abitazione». Ma secondo Danielli, in alcune zone si tratta anche di un investimento interessante: chi compra per affittare spunta rendimenti superiori al 3% al netto delle tasse.
Diversa la situazione per il mercato dei posti auto scoperti, dove i prezzi sono nettamente inferiori. I più cari partono dai 40mila euro di Sant’Ambrogio e i 35mila della zona tra corso Magenta e piazzale Baracca, via Dante e Missori. Nei pressi del parco Solari costano invece 35mila euro e scendono a 30mila in via Larga e Washington.