Compro casa: egiziani in testa

Crescono in città gli stranieri che si comprano casa. Milano non guida la classifica del Belpaese (prima vengono Roma, Vicenza, Modena e Trieste) ma nell’ultimo anno sono stati il 12 per cento dei regolarmente residenti gli stranieri che hanno concluso un contratto d’acquisto. A firmare rogiti sono soprattutto gli egiziani seguiti da nordafricani e da cittadini orientali. L'acquirente-tipo di prime case è uno straniero con regolare permesso di soggiorno e busta paga assicurata, di età compresa tra i 25 e i 35 anni e residente in Italia già da molti anni. Si tratta, in genere, di famiglie straniere, composte da almeno 4-5 persone, con genitori abbastanza giovani, che hanno un lavoro fisso e sono in grado di fornire sufficienti garanzie per il mutuo. Raro, invece, l'acquisto da parte di single. Il costo medio delle case acquistate da immigrati è di 108mila euro, vale a dire 1.400 euro al metro quadrato. Il 29,9% degli stranieri le compra pagando in contanti, ma il 70,1% ricorre a un mutuo, che in media copre tra il 70% e il 90% dell'ammontare del valore. Gli acquisti avvengono principalmente nelle periferie delle grandi città o nei cosiddetti quartieri «multietnici». Anche se l'interesse degli immigrati va spostandosi verso l'hinterland e le città di provincia, dove l'aumento del costo degli immobili è stato più contenuto. Requisito fondamentale, però, è che la zona sia ben servita dai mezzi pubblici.