Il Comune «abbandona» i sestresi agIi sciacalli

A un mese dall'alluvione nel ponente genovese, alcuni cittadini sono ancora sfollati e indifesi dagli sciacalli. Nei giorni scorsi sono state prese di mira alcune auto affogate dal fango e posteggiate nel piazzale adiacente Villa Bombrini. Ieri, invece, i malviventi hanno svaligiato una casa sgomberata in via Superiore Briscata, che è ancora inagibile per gli allagamenti di inizio ottobre. Gli sciacalli hanno razziato tutto: dai vestiti agli oggetti preziosi, perfino alcuni soprammobili e utensili da cucina. Ad accorgersi del furto è stata la stessa padrona di casa che si è lamentata con la polizia perché si è sentita abbandonata al suo destino.
«Mi risulta che siano intervenuti gli agenti del commissariato di Sestri Ponente - spiega l'assessore comunale Francesco Scidone - per l'alluvione sono state sgomberate circa 40 famiglie. Le forze dell'ordine organizzano controlli nel ponente e, dopo gli episodi di sciaccallaggio sulle vetture, a Villa Bombrini passa la volante anche di notte. Ciò che è successo nella casa sulle alture è preoccupante. Chiederò di rafforzare i controlli anti-sciacalli».
Intanto ieri il capogruppo della Lega Nord Alessio Piana ha presentato un'interrogazione al sindaco Marta Vincenzi.
«Visto che il presidente Burlando - spiega Piana - nel febbraio 2009 aveva assegnato due milioni alle Cinque Terre per la sistemazione e il ripristino dei muretti a secco dopo le varie emergenze e alluvioni, vorremmo sapere se da parte di Palazzo Tursi, prima del febbraio 2009, siano mai state avanzate richieste di finanziamento per la messa in sicurezza dei nostri corsi d'acqua, in particolare del ponente genovese, e, in caso affermativo, quale è stata la risposta della Regione».
Ieri è stato dato il semaforo verde all'iniziale stanziamento di 10 milioni di euro per fronteggiare i danni dell'alluvione dello scorso 4 ottobre. L'ordinanza sarà pubblicata lunedì prossimo sulla Gazzetta Ufficiale.