Comune, accordo sul bilancio: più fondi per casa e sicurezza

Più sicurezza, innanzitutto. Con 200 nuovi vigili, una task force contro le occupazioni abusive, strade più illuminate, progetti di prevenzione e integrazione. E un’ulteriore sforbiciata all’Ici, anche se la scelta dei destinatari è rinviata al vertice di venerdì mattina. In quello di ieri tra sindaco, capigruppo e capidelegazione della Cdl, Letizia Moratti ha anticipato le linee guida del bilancio preventivo 2008, che conterà su 77,8 milioni di risorse aggiuntive rispetto all’anno scorso (già nel 2007 erano salite di 37 milioni), recuperate dall’evasione Ici o della tassa sulla pubblicità, da sanzioni o oneri di urbanizzazione (presto in impennata), dal ticket d’ingresso che scatterà il 2 gennaio, dal risparmio delle spese amministrative. Obiettivi e tempi dettati dalla Moratti hanno ricevuto l’applauso della Cdl, consiglieri pronti a passare il dicembre in aula per approvare il bilancio entro fine anno e dare una bella lezione di buongoverno a Roma. Il sindaco vuole il via libera della giunta già venerdì, e non ci sono ostacoli. Identici all’anno scorso i fondi per gli assessorati. Dei quasi 80 milioni di risorse in conto corrente invece, 45 sono già destinati a spese obbligatorie (come il rinnovo del contratto Amsa e l’adeguamento degli stipendi ai comunali). Nove milioni saranno investiti in sicurezza: 6 per l’assunzione di 200 vigili, 3 per politiche di integrazione e prevenzione e per la task force contro le occupazioni abusive. Ma contribuiranno, anche se indirettamente, a una città più sicura anche i soldi per le periferie (3 milioni) o la lotta a degrado e graffiti (4 milioni, più uno per la pulizia dei marciapiedi) e il milione preso dal conto capitale per l’illuminazione delle strade. Sei milioni circa andranno al «comparto» casa e famiglia: mutui agevolati per le giovani coppie, contributi-affitto alle famiglie disagiate, testi gratis per la seconda media. Ancora: 3 milioni alle associazioni sportive per migliorare gli impianti, 6 milioni destinati a politiche ambientali - rinnovo di caldaie e mezzi inquinanti, ecopass - e alla mobilità. Dal 2008 una task force di ausiliari si occuperà meno di multe e più di traffico. Con le risorse in conto capitale, anticipa il Comune, sarà ridotta la pressione fiscale, un taglio all’Ici per «circa 8 milioni». Due le ipotesi: giù l’imposta a tutti o solo a famiglie numerose e giovani coppie che acquistano casa. Forza Italia, anticipa il presidente della Commissione bilancio Maurizio Beretta, punta a «un taglio del 10% spalmato su tutti». Milano, afferma il capogruppo della Lega Matteo Salvini, «non aumenta le tasse ma aumenta i servizi. Gli aiuti per la casa però vadano agli italiani». «Continuiamo a dare il segno di un’amministrazione virtuosa», concorda il capogruppo di An Carlo Fidanza. Giudizio «molto positivo» anche dall’assessore di Fi Tiziana Maiolo, «specie per il forte impegno per la sicurezza». Un bilancio, conferma il capogruppo Udc Pasquale Salvatore, «che risponde coi fatti all’emergenza del momento, nonostante le misure insufficienti dal governo».