Comune, gli assessori svelano i piani del 2007

Passata la festa è il momento di aprire l’agenda e di pensare al nuovo anno. Progetti, propositi, buone intenzioni. Milano si appresta a salutare il 2007 all’insegna della proverbiale operosità. E gli assessori di Palazzo Marino, dalle località di vacanza o seduti alle scrivanie, non si fanno trovare impreparati. Anzi, hanno le idee chiare sulle priorità.
Carla De Albertis, assessore alla Salute, pensa al benessere dei suoi concittadini: stanno per partire le campagne di sensibilizzazione su obesità, anoressia, smog. «Il mio obiettivo - spiega - è parlare ai sani per mantenerli sani. È importante che i milanesi comprendano che salute non è sinonimo di assenza di malattia, ma di benessere psicofisico. È in quest’ottica che si inserisce il discorso sull’anoressia, che stiamo portando avanti con l’assessorato alla Moda». E ancora screening della salute dei milanesi, con particolare attenzione ai disturbi legati allo smog, con la creazione di una banca dati e l’osservatorio disabilità: uno sportello che mette in rete bisogni dei disabili e delle loro famiglie e i servizi offerti da Milano.
Agenda fitta anche per Giovanni Terzi, assessore allo Sport e al Tempo Libero, che ha l’ambizioso obiettivo di trasformare Milano nella capitale dello sport: il 2 giugno sarà la Notte dello sport, il «veglione di attesa» della tappa finale del Giro d’italia, prevista per il 3. «Stiamo organizzando anche una grande Notte Bianca, il primo week end di settembre - spiega Terzi - per accogliere i cittadini di ritorno dalle vacanze». Non solo grandi eventi, però, stiamo lavorando per agevolare le associazioni sportive, con sgravi fiscali, come la diminuzione dalla tassa sui rifiuti, la ristrutturazione del Vigorelli, «che diventerà il palazzetto dello sport» e la sistemazione dalla pista di atletica dell’Arena, che ospiterà il 20 giugno la finale della coppa Europea di Atletica. Anche per i giovani Terzi ha in mente grandi cose: la creazione della fondazione Fabbrica del Vapore, per trasformarla nella Triennale dei Giovani, cioè in un centro produttivo della creatività giovanile e il nuovo sportello Infogiovani, in via Dogana.
Pensa ai ragazzi anche Ombretta Colli, responsabile delle periferie. Fra i suoi progetti scuole di musica, gratuite e senza esami, che insegnino ai ragazzi delle superiori a suonare uno strumento: «La musica è un patrimonio inalienabile, dà un senso alle giornate dei ragazzi delle periferie. Voglio mettere in ordine anche i campetti da calcio della città» promette. Altre priorità? «Il decentramento degli uffici comunali, compreso un nuovo sportello di assistenza legale per i cittadini e i presidi dei vigili urbani nelle varie zone - spiega la Colli -. In più la sistemazione nelle strade di colonnine Sos collegate con le forze dell’ordine».
Agricoltura in cima all’agenda di Tiziana Maiolo, assessore alle Attività Produttive: «Milano è la seconda città agricola, dopo Roma. Faremo un censimento delle 130 aziende agricole milanesi, per poi creare uno sportello di servizi. Sto aspettando anche i finanziamenti statali per il progetto di sostegno delle piccole imprese in periferia. Terzo obiettivo, riportare in piazzetta Reale il tradizionale mercato dei fiori della domenica mattina». Tra le priorità per il 2007 di Carlo Masseroli, collega all’Urbanistica, il piano di governo del territorio che renderà molto più elastica la pianificazione della città, la revisione del regolamento edilizio improntato al criterio del risparmio energetico. E ancora housing sociale, con l’edificazione su 10 aree di alloggi ad affitto calmierato per famiglie, giovani coppie e studenti. La riqualificazione di grandi aree, come la Bovisa, che ospiterà un grande centro scientifico tecnologico, lo spostamento del carcere e del tribunale, la riqualificazione di scali ferroviari dismessi, come il Farini e porta Genova, e l’inaugurazione del primo raggio verde della città, quello della Martesana.
L’auspicio è che i buoni propositi non svaniscano insieme ai postumi del Capodanno.